Passa ai contenuti principali

Parafiscalità


L'attuale sistema di parafiscalità (contributi) è derivato da una lunga evoluzione con mutua assicurazione(associazioni volontarie), assicurazione sociale obbligatoria (bismarck), previdenza sociale(relazione salario) e infine sicurezza sociale welfare state (tutti protetti, non in base ai contributi versati, finanziate tramite imposte.
Intervento pubblico per: motivi etico sociali, motivi efficienza economica e motivi merito.
Il finanziamento della sicurezza sociale avviene con la capitalizzazione dei contributi (i contributi vengono accantonati) o con la ripartizione (chi lavora paga pensione a vecchi)(italia). La spesa pubblica in campo sociale assicura una equa ripartizione del reddito distribuendo dai più ricchi ai più deboli.
Effetto sul sviluppo: effetti sul risparmio, sugli investimenti (riduce privati ma può aumentare pubblici) e sulla stabilità economica (positivi, funzione anticiclica).
Forme distribuzione reddito: trasderimento cittadini attivi a inattivi, cittadini diversa età, cittadini diversi consumi, diversi settori, famiglie diverso numero componenti, diverse aree.
Inps: paga pensioni invalidità, vecchiaia e reversibilità; prestazioni contro disoccupazione involontaria, sospensione dal lavoro, malattia; sussidi maternità; assegni familiari.
INPDAP: pensioni dipendenti PA.
INAIL: assicurazioni infortuni sul lavoro obbligatoria per lavori rischiosi.
Sistema pensionistico garantisce: pensione vecchiaia (20 anni contributi e 65 U, 60 D), pensione per malattie invalidanti (5 anni contributi), pensione ai superstiti se l'assicurato muore, anzianità (35 contributi). Dopo 1992 età alzata. Dal 1995 metodo capitalizzazione per calcolare pensione.
Previste anche integrazioni come assegni familiari, trattamento disoccupazione e cassa integrazione max 24 mesi.
Nel 1978 SSN, assistenza sanitaria a tutti gratis o ticket tramite ASL finanziate dalle regioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

I bisogni e servizi pubblici

Il fenomeno finanziario può essere discusso sotto due profili: descrittivo (conoscere e interpretare la realtà con un analisi positiva) e prescrittivo (che indica come devono essere gli interventi per il bene della collettività con analisi normativa). Le scelte pubbliche dipendono da giudizi di valore politici che avvantaggiano sempre uno e svantaggiano altri. I bisogni pubblici sono quelli sentiti dalla collettività e vengono soddisfatti dallo Stato e altri enti pubblici. Bisogni privati sentiti dai singoli e soddisfatti a livello individuale. I servizi pubblici sono i beni e servizi dello stato e altri enti pubblici destinati a soddisfare i bisogni pubblici. Sono divisibili ( se goduti da singoli soggetti ), indivisibili (per l'intera collettività, non sono rivali nel consumo, non si può escludere chi non paga) e parzialmente divisibili. Beni meritori: offerti dallo stato senza richiesta, Demeritori: tassa su alcolici, fumo..scoraggia. Le teorie sull'attività fina

Profland: appunti diritto e non solo

Gli esami universitari sono veramente terrificanti, pagine e pagine da studiare, memorizzare concetti su concetti, affrontare orali che mettono i brividi. Insomma un incubo che si avvera. Se poi la materia è il diritto, se non si è dei principi del foro, è veramente dura capire e memorizzare articoli, decreti, emendamenti e chi più ne ha più ne metta. Purtroppo a volte non basta prendere gli appunti a lezione, integrandoli con le nozioni dei libri, anche così lo studio sembra quasi impossibile. Ecco perché viene chiamato in causa il sito di profland, nel quale è possibile trovare appunti di diritto di ogni genere e di ogni grado di difficoltà. Infatti, all’interno dell’area appunti, sono presenti i file divisi per genere, pronti per essere scaricati. Il bello di questi appunti è quella di essere scritti in una maniera veramente semplice, insomma un notevole aiuto per lo studio. Siamo sicuri che li troverete molto interessanti e facili da studiare. A volte infatti basta semplicemente

Lo Stato

Stato : ente sociale formato su un determinato territorio quando un popolo si organizza giuridicamente e si sottopone a un potere centrale. Può essere primario (senza modificare l'esistenza di altri stati preesistenti) o secondario. Stato moderno: nasce nel XV con trattato Westfalia per fine guerra 30 anni. Sovranità :nessun potere superiore allo stato Stato comunità :organizzazione costituita da un popolo, su un territorio sottoposto a un autorità centrale. Stato apparato :Insieme organi che esercitano supremazia su cittadini cioè stato è persona guiridica con diritti e doveri e capacità di agire. Lo stato moderno è un ente originario (non deriva da nessuna esistenza e poteri), ente indipendente (non è subordinato a altro), è territoriale (esercita poteri su un spazio geografico preciso), un ordinamento politico a fini generali (soddisfare gli interessi della collettività), è rappresentativo (opera in nome dei cittadini) è un ente necessario perchè non esistono situazi